//Incolla il seguente codice all interno del tag del tuo sito // //(*Nota..Se questo codice e gia inserito nell header,non incollarlo nuovamente!) powered by www.importexplosion.com //
Vivi alla Grande, Vivi come davvero meriti!

Ciao,
è normale che ti manchi… cavoli era tua madre!!!
E’ normale che tu ti senta così oggi… ma non è normale non riuscire a vivere!!!
Vedi hai visto soffrire tua madre in un modo indescrivibile che solo chi ha assistito una persona malata di cancro può capire, l’hai vista lottare, l’hai vista sperare…. e ora che non c’è più ti è sembrato tutto inutile.
Tua madre però ti ha dimostrato come si vive, come si combatte, quanto questa vita sia preziosa e guardando la sua famiglia avrà pensato che ogni giorno vissuto con voi meritava di essere vissuto a pieno senza pensare alla morte… ti ha dimostrato cosa vuol dire essere davvero Viva.
Nella tua mente ora si affollano i pensieri dei suoi giorni più brutti, dei giorni in cui soffriva, del giorno in cui è morta… questa è la prima fase.
Ora se vorrai andare avanti con le altre fasi dell’elaborazione del lutto potrai lasciare spazio ai pensieri dei suoi piccoli gesti di tenerezza nei tuoi confronti, delle mille volte in cui ha dimostrato a tutti quanto ti amasse, potrai pensare a lei Viva… e potrai farlo libera dal dolore.
Quando si procede fino all’ultima fase si fa una vera e propria pulizia dentro di se fino ad arrivare al punto in cui potrai sentire di nuovo tua madre non come qualcuno che è morto soffrendo ma come qualcuno che vive con te una vita nuova.
Credi che non fare progetti ti aiuterà? Credi che smettere di vivere sia quello che tua madre voglia da te ora? Credi davvero che questo è quello che TU vuoi adesso?
Da quello che scrivi a me sembra che tu voglia cominciare a VIVERE davvero: è possibile, esistono libri e persone specializzate che possono insegnarti come si fa una vera e propria elaborazione del lutto. Solo completando questo processo potrai vivere la tua nuova vita imparando davvero la lezione più importante che tua madre voleva donarti: non basta sopravvivere bisogna vivere ogni attimo della propria esistenza a pieno donando tutto l’amore che si ha… solo così vivrai la tua vita alla grande, vivrai la vita che davvero meriti.

Comments

89 Responses to “Mia madre è morta… mi manca moltissimo, non riesco più a pensare ad altro che alla sua malattia, non riesco a progettare il mio futuro… aiutatemi”

  1. FABRIZIO on September 27th, 2008

    Quando perdiamo qualcuno a cui teniamo molto non possiamo fare altro che pensare a questa persona. Ma dobbiamo anche capire che con la morte non finisce tutto, altrimenti la nostra vita sarebbe solo un qualcosa di materiale. La vita continua, e tua madre, seppure non può abbracciarti, ti è più vicina di prima, segue ogni tuo passo, come una guida e un’assistenza totale in tutto quello che fai. E’ così. Ti vuole bene e vuole anche il tuo bene. Per questo non devi cancellare mai il suo ricordo, ma per farlo devi anche impegnarti per realizzare quelli che sono (erano, dirai) i tuoi sogni. Tua madre andrebbe fiera di te, anzi, andrà fiera di te se davvero ti impegnerai a costruire quello che più desideri. Ora sembra tutto impossibile, ma non lo è. Affidati a Dio, lui saprà guidarti insieme alla mamma dal Cielo. Credi, puoi farcela. Sei forte. “Due cose al mondo non ti lasciano mai: l’occhio di Dio che ovunque ti vede, e quello della mamma, che ovunque ti segue”. Ciao

  2. Fil966 on February 17th, 2009

    Io piango spesso mia madre, è morta un anno fa ma ancora mi manca ed i pianti sono il risultato di film mentali dove io ne esco sempre colpevole…il rimorso mi fa piangere…
    Come insegna Fromm la mamma è amore incondizionato, una madre ama comunque suo figlio, difficilmente lo ripudia, lo amerà per sempre…mia madre è morta di cancro ed io sono riuscito a vederla solo in letto di morte, piena di morfina ed antidolorifici e l’ultimo mio atroce dubbio è che non mi abbia riconosciuto…lavoro, trasferte…ora che lei non c’è più il tempo abbonda e io non so che farmene…odio parzialmente i miei fratelli, non ho più i genitori e nemmeno lo spauracchio del suicidio mi dà più sollievo…sto provando a voler bene al mondo ma è davvero difficile, la crisi rende tutti più avidi e la mia intolleranza non ha a che fare solo con gli extra-c.
    Mia madre era una brava persona che non c’è più,emularla non ha senso,il pensiero che mi possa vedere è secondario….l’unica cosa che ci può salvare è il pensare che lei, in qualche modo, possa farmi fare le scelte giuste…La mia vita sta cambiando molto e credo che lei faccia parte di questi cambiamenti, credo che tutto ciò abbia senso, cambiare a 40anni, cambiare vita gradatamente, consapevolmente….
    Questa è l’unica cosa che mi può far andare avanti senza degenerare nel NERO di una vita conforme…Tutti i miei morti, tutti quelli che piango quando bevo solo (come ora per’altro).
    Tutti mi sono vicini ed io credo che questo capiti a tutti, i tuoi parenti morti sono anime che in quelche modo ti guidano o meglio: ti danno un segnale….segui il tuo istinto,decidi con la tua testa…non sempre, solo quando ti sembra che sia davvero giusto fare una scelta forse non così logica…sono i loro segnali, dei parenti, degli spiriti delle tue vite precedenti…di tua madre sicuramente,lei vorrebbe solo il tuo bene, non il danaro, non il potere…solo il tuo bene…
    P.S.
    scusami questa mia così sconclusionata, amavo mia madre ma, come da un copione stantio, quanto, me ne sono accorto troppo tardi…riguardati e rendila orgoglosa, lei non te lo ha mai chiesto e questo è il gesto migliore
    ciao
    fil

  3. marco on March 20th, 2009

    mia mamma non c’è più da quando avevo 2 anni… mio padre si è risposato ma con il tempo ho sentito la mancanza di un affetto veramente materno… vedo le persone intorno a me per l’amore che ricevono dai propri genitori…deve essere qualcosa di indescrivibile… vorrei vivere solo per un giorno le carezze e le coccole di mia madre..solo uno…per sentire cosa si prova… mi basterebbe solo un minuto. a volte non ci rendiamo conto delle cose che abbiamo. solo dalle esperienze degli altri possiamo rendercene conto. vorrei sapere cosa di lei mi porto dentro…vorrei sapere tante cose… mi manca ricevere da un genitore senza sentirmi in difetto e ringraziare… mi manca sentirmi amato sempre e comunque

  4. marianna on March 12th, 2010

    che tristezza immensa.
    dopo un anno e mezzo dalla morte della mia mamma non è cambiao nulla.
    il dolore è più acuto, consapevole, e unica consolazione, piango sempre…e a volte dico
    ” basta, no nce la faccio più a piangere, a stare male.
    ma è cosi e ora, mentre scrivo, piango, dopo avere stretto qualche maglione profumato della mia mamma.
    e poi mi sento in colpa perchè mio padre vive solo, perchè a volte io soino cosi presa dalle mie cose che mi sento un’egoista.
    ma forse lei vorrebbe così…
    forse vorrei credere all’esistenza di un’altra vita.
    fa meno male il pensiero della morte allora.

  5. valeria on April 11th, 2010

    anche io vivo questo dramma mia mamma e’ morta da 3 mesi era malata di polmoni e mi ha lasciata in una triste domenica di gennaio quando nessuno mai se lo aspettava perche’ mai come adesso stava bene viveva con l’ossigeno da 10 anni ma era attiva e mai immaginavo che succedesse adesso me lo aspettavo magari tra una decina di anni non so’ ,,a me e’caduto il mondo addosso gia’ mi trovavo in una situazione di sconforto rimanendo a 30 anni senza lavoro con mille problemi da affrontare e per di piu’ il mio compagno piu grande di me che stiamo da 11 anni insieme ha la stessa malattia di mia mamma e ha l’ossigeno ,,e’ stata l’inizio della mia fine non riesco piu’ a vivere pensando che la mia mamma dolcissima e a soli 59 anni sia andata chisa’ dove ,,quando dite che lei e’ intorno a noi che ci vede io mi domando come fate a esserne certi chi lo ha mai visto tutto cio’ chi ne puo’ essere cosi’ certo?ci aggrppiamo a tutto questo e speriamo che sia cosi’ ma la certezza non possiamo averla io so’ solo che aspetto solo la morte non voglio starci qui senza di lei …

  6. Barbara on May 10th, 2010

    LA MIA STUPENDA MAMMA, MI HA LASCIATA 40 GIORNI FA’, ED IO NON RIESCO A RESPIRARE…. MI FA MALE IL CUORE… STO IMPAZZZZZZZZZZZZENDO.

  7. Stefano on June 18th, 2010

    Ti voglio bene mamma, ciao …

  8. annamaria on June 23rd, 2010

    mia mamma mi ha lasciato 6 mesi fa….non ho potuto vivere la sua malattia,mi sento una persona inutile,e ancora oggi vivendo lontano mi sembra che lei e li a casa,ho tanta voglia di sentirla prendo il tel…e solo allora mi rendo conto che non ce piu’ vorrei morire….mi sembra di vivere un incubo…..ho paura di svegliarmi perche’mi sembra che sia solo un brutto sogno….

  9. cinzia on August 13th, 2010

    Ho perso mia mamma 6 mesi fa!ho cercato di fare un gran lavoro su me stessa per non crollre e non far soffrire maggiormante mio padre. Ora invece non c’è la faccio più se sapessi di poterla ritrovare la raggiungerei ora. piango spesso, le persone non possono capire, ho solo voglia di lasciarmi andare, poi penso che lei mi ha insegnato la vita e che forse se continua a guardarmi vorrebbe vedermi serena. Mi manchi ti amo.

  10. Marci on September 14th, 2010

    Ragazzi ormai sono passati 10 anni e non me ne faccio una ragione !!!!

  11. Marci on September 14th, 2010

    Vorrei vederla ed abbracciarla anche solo un minuto ! Quello che più mi rattrista è anche il bruttissimo rapporto con mio padre ! Quando è morta non ci siamo detti nulla ed io invece avrei voluto piangere con lui , insieme a lui ! Ma nulla , nemmeno una parola !

  12. mari on October 8th, 2010

    Tutta un’altra vita, forse solo se si riesce ad accettare questo si può sopravvivere, alla morte di una mamma si sopravvive, per me a tre anni di distanza è così..vi sono vicina

  13. marta on October 10th, 2010

    anchio o perso a mia madre 7 mesi fa, e non poso piu, penso che sono stata lontana da lei che mi voleva come io a lei, e non sono andata pensado credendo a quello che mi dicevanno, , ma io dentro de mi sentivo qualcosa, sentivo che staba male, ma non sono andata sono arrivata tarde de 20 giorni, Dio non mi lo perdonero mai, non voglio vivere piu, pensare che cera tanta gente vicina a lei, ma sento che io sola potevo fare qualcosa per averla ancora vicino a me.

  14. Ugo on October 19th, 2010

    Ho perso mia madre il 25 di settembre il 13 aveva compiuto gli anni.Io disoccupato con problemi di attacchi di panico che mi porto da 23 anni dopo la morte improvvisa di mio padre per un infarto.Mia madre ha sofferto tutti questi anni insieme a me,ha cercato di aiutarmi e solo lei ho avuto accanto.Dopo aver cambiato casa dopo un anno ebbe delle crisi di paure si sentiva perseguitata,noi che siamo tre figli maschi ma solo io mi sono interessato a lei pienamente dopo tante cure psicologi e psichiatri riuscimmo a farla migliorare.Ma le fobie ritornavano non accettava la nuova casa.Poi si ammalo’ di broncopolmonite acuta questo sette anni fa’ supero’ questo momento quanto pregai affinchè si salvasse e così fu’.Lo assistita in questi ultimi sette anni nel bene e nel male perchè potevamo salvarla aveva bisogno di costati cure per i polmoni.4 giorni prima di morire mi sono accorto che respirava a fatica e quando mangiava si soffocava.ho chiamato il medico ma stranamente non si è accorto che doveva essere subito ricoverata.Mi manca tantissimo la casa è vuota. Mi manca la sua voce, i suoi passi, il rumore delle pentole quando le asciugava,il suo sguardo i suoi sorrisi che mi incoraggiavano mi tranquillizzavano.Non accetto che è andata via vivo intorno ad vuoto che fa’ paura.

  15. Simone on November 15th, 2010

    Io avevo mia madre,una splendida madre (come lo sono tutte). Mia madre aveva un tumore al seno,le dissero che era piccolo si operò fece le chemioterapie e dopo un po sembrava guarita. Porco dio sembrava; dopo un po le fu diagnosticato un tumore al fegato, delle metastasi che si erano estese, fece le chemioterapie, non si è più ripresa, in pochi mesi non ce l’ha fatta. Tutti mi dicevano che non ce l’avrebbe fatta, io non ci credevo, vedevo mia madre soffrire ma avevo la consapevolezza che un giorno sarebbe guarita. Anche i medici mi dissero che non c’era speranza. io continuavo a non crederci . Quei medici di merda mi dissero di affidarmi nella fede…io non ci credo,o almeno ho smesso di credere, mi dicevano di pregare,perchè? se non abaglio la religione cattolica dice che Gesù vive in mezzo a noi, è sempre affianco a noi e ci osserva tutte le azioni e i pensieri che facciamo: allora perchè dobbiamo pregare? a cosa serve? se lui gia sa cosa ci fa stare bene? io non credo, ho smesso. Amavo mia madre e ora la amo più di prima. Purtroppo non ho mai voluto crederci che non ce l’avrebbe fatta..oggi sono passati 5 giorni e qualche ora dalla sua morta e io tutt’ora continuo ad essere normale,ADDIRITTURA FELICE, proprio perchè non ci credo,o forse non voglio crederci. Io sono figlio unico mi sono appena diplomato e sto frequntenado l’università e continuerò a studiare perchè a mia madre era l’unica cosa che le importava quando era in vita. Ho scritto in questo forum perchè nemmeno io parteciperò alla giornata del cancro…. Ho letto vari forum riguardanti la morte di un genitore e ho capito che il 99,9% dei decessi è causato da questi tumori del cazzo….tumori di merda…. Mia madre aveva appena 46 anni ora io sono solo con mio padre malato anch’egli….Volevo infine aggiugnere che lo stato inventa sempre più nuove tecnologie, computer nuovi, macchine nuove, telefoni nuovi…. bravi bravi …QUESTE COSE NON SERVONO AD UN CAZZO.. PENSATE A TROVARE QUALCHE RIMEDIO A QUESTE MALATTIE DI MERDA LURIDI E SPOSRCHI TUMORI CHE NON SOLO FANNO MORIRE LE PERSONE MA LE FANNO ANCHE SOFFRIRE…. nonostante abbia scritto queste cose io continuo ankora ad essere normale faccio qualunque cosa,esco rido scherzo, e non so perchè….proprio perchè ankora nn ci credo assolutamente, eppure amavo mia madre…che per me era madre e padre insieme….badava a qualsiasi mia azione … una volta mi vide con una sigaretta e mi telefonò sul telefono 79 volte in due ore…era incredibilmente preoccupata per qualunque cosa facessi…. adesso mio padre sta molto male per la perdita della moglie….ma dovrei stare più male io considerando che lei era mia madre..volevo solo esortare qualche ragazzo o ragazza a non trattare male i proprio genitori perchè quando un giorno non ci saranno più quello che vi mancherà più di loro saranno proprio le ramanzine che vi hanno fatto e lo hanno fatto a fin di bene,di amore,ed io tutt’oggi mi pento di averla trattata male di averle dato anche uno schiaffo qualche volta e di non esserle riuscito a dirle quanto la amavo e quanto la volevo bene e quanto la stimavo(nonostante l’ho fatto mentre lei stava per morire)….Purtroppo ciò è un vuoto incolmabile,,che rimarrà inciso nel mio cuore….E Spesso ad ammazzarti l’animo non è il pensiero che lei non è più accanto a te ma sono i ricordi che tu hai di le, di tutte le cose che faceva pur di dimostrarti amore e degli immensi sacrifici che ha fatto per me (come del resto tutte le madri fanno per i loro figli)……||ANDATE A FANCULO TUMORI DI MERDA!!||

  16. Ugo on November 16th, 2010

    Mi dispiace tanto per tua madre. Nessuno può capirti solo tu soffri dentro come io stò soffrendo.Sono i ricordi che ci perseguitano nella mente.Io ho vissuto con mia madre momenti felici ma troppi infelici e anche io ho avuto quegli attimi che litigavo con lei al punto di schiaffeggiarla e sai è brutto alzare le mani alla propria madre che ci ha dato la vita. Si oggi si inventa di tutto le stronzate inventano mentre la gente soffre atrocemente perchè non ci sono le cure adatte si perde solo tempo e intanto muoiono milioni di esseri umani.La vita è importante, la vita è bella essa serve per godere la luce del sole, l’aria che respiriamo per amare la natura e evolverci per capire chi siamo e dove andiamo.Ma purtroppo chi dovrebbe difendere la vita non fa nulla si pensa solo come fare denaro denaro e solo denaro e della vita non si fa’ nulla.Io spero che la sofferenza nel mondo diminuisca e finalmente ci sia vero rispetto alla vita.Questa abbiamo di vero e prezioso.

  17. Sara on November 17th, 2010

    Mia madre è morta quasi 9 anni fa, quando avevo 13 anni. Vivere e crescere senza una madre è molto difficile ti manca ogni giorno.. ma avevo trovato il modo di reagire e di trovare un senso al suo dolore, alle sue sofferenze e alla sua morte..volevo fare qualcosa che mi permettesse di non sentirmi impotente davanti a questo.. volevo fare il medico, specializzarmi in oncologia, fare ricerca oncologica o aiutare le persone malate di cancro..perchè mia madre è morta di cancro.. solo che purtroppo non sono riuscita a passare il test d’ingresso, provato 3 volte! Ora non so che fare della mia vita, mi sento inutile..volevo farlo per lei, era diventato il mio sogno, ma non ce l’ho fatta..mi sento in colpa..sono delusa di me stessa, amareggiata.. Fare il medico sarebbe stato per me un modo per rivendicare la sua morte..

  18. lucia on December 2nd, 2010

    anche la mia mamma è morta 10 giorni fa. anche lei è stata operata di cancro al seno, poi le chemio, le radio e la cura per cinque anni. dopo i fatidici 5 anni tutto ritorna alla normalità o così dicono e invece lei dopo pochi mesi si è riammalata con lesioni al fegato. ha ricominciato le chemio ma non hanno dato esito positivo, nel frattempo la malattia è avanzata, io nel frattempo sono rimasta incinta e lei come tutti noi della famiglia eravamo convinti che superato una volta l’ostacolo l’ho avremmo fatto di nuovo e invece no. fra 2 medsi dovrei partorire la mia seconda bambina, lei l’aspettava con ansia, dovevamo fare il corredino insieme, diceva che appena fosse nata sarebbe venuta tutti i giorni ad aiutarmi, addirittura si rese disponibile a crescerla lei come aveva fatto con la prima. ma purtroppo una maledetta notte mia mamma non è riuscita più ad aspettare. la piccola letizia non la conoscerà mai (solo in foto)e chissà se mia mamma potrà mai starmi vicino anche spiritualmente. una volta ci credevo ora non più. sono affranta. ho fatto tutto ma mi rendo conto di non aver fatto nulla o troppo per salvarla. mi do colpa di aver voluto tanto una seconda figlia che forse ho dovuto cedere la mamma. io e mamma non avevamo un gran bel rapporto, nel senso che non ricorso un suo abbraccio, un suo ti voglio bene, eppure io sto morendo dentro a causa della sua morte. mi sento sola. come se una parte di me fosse morta con lei. spero solo che lei possa perdonare tutte le mie mancanze soprattutto quelle degli ultimi mesi. ciao mamma ti amo.

  19. iris on December 8th, 2010

    mia mamma è morta 30 giorni fa. sto impazzendo dal dolore. è stata una mamma meravigliosa, viveva x amare me e mio fratello….e ora nulla ha piùun senso. non so come uscirne, penso spesso di ammazzarmi e andare da lei, xkè tanto qst vita senza di lei nn ha senso, ma non voglio dare un altro dolore a mio padre. sono disperata. a chi posso chiedere aiuto?

  20. lallina on January 4th, 2011

    Mia mamma è mancata il 15 dicembre scorso, d’improvviso, arresto cardiaco. Le dicevo sempre che era la mia vita, che le volevo bene, che per me era tutto. Ho 39 anni, sono single e senza figli. Quindi c’era lei e niente più. Era la mia amica e la mia compagna. Ma avevo anche molti conflitti con lei, la tanta passione, il tanto amore porta anche a scontrarsi. Mi rimane il rimorso - e fa tanto dolore - di averla trattata male, ma tanto, anche la sera prima che se ne andasse - poi abbiamo fatto pace in qualche modo…spesso perché io stessa sono insoddisfatta della mia vita, delle mie pseudo relazioni col mondo intero. Avrei potuto evitarlo. Poi le chiedevo scusa e lei, dolcemente, mi perdonava…Era come se avessi PER SEMPRE avuto un altro giorno a disposizione in cui rimediare al dolore che le creavo, un altro giorno per dirle scusa, un altro giorno per uscire insieme senza litigare, un “domani”. Ora domani non c’è più. La credevo immortale, cioè non potevo immaginare che potesse non esserci più un giorno. Lei era speciale, e ora mi manca. Guardando nei suoi cassetti ho visto che lei viveva per me. Conservava ogni cosa io le scrivessi, regalassi, ogni foto o articolo di giornale le portassi. Voglio andare da lei, ma ho paura di morire.

  21. nadia on April 3rd, 2011

    cosa dire soffro non c’e’ un attimo che io non pensi a loro a gennaio il 3 e’ morto mio padre 66 anni e a marzo l’11 e’ morta mia madre 64 anni sono disperata triste angosciata …..persa senza di loro ….persa senza di lei …………..la mia vita non ha piu’ alcun senso …….prego tutti i giorni il signore di farmi andare da loro …quanto darei per un abbraccio di conforto della mia adorata mamma niente e nessuno la puo’ rimpiazzare anche se ti dicono dai vedrai che passera’ ……non passa nulla peggiora ogni giorno ……….scusate lo sfogo ciao

  22. giovanna on April 7th, 2011

    mia mamma e morta il 14 ottobre 2010 a soli 55 anni cn un cancro maledetto era la mia forza una mamma spupenda buona solare mi mamca tanto o un vuoto immenso la mia vita senza lei nn sara piu uguale spero dopo tanta sofferenza che puo stare meglio adesso cn dio lui raccoglie i fiori piu belli e lei era un fiore prezioso

  23. flunacy on April 20th, 2011

    Non vi conosco, ma vi abbraccio tutti fortissimamente, senza finzioni. Ho perso mia mamma da qualche settimana e mi ritrovo in tutte le cose che avete scritto… mi manchi tantissimo mamma, ti amo tanto.
    Ogni mio respiro ti appartiene, fino a quando ci riabbracceremo. La tua patata

  24. Francesca on April 20th, 2011

    Salve a tutti, è la prima volta che scrivo in un blog ma ho letto le vostre storie ed in molte mi sono ritrovata, così volevo condividere la mia con voi..
    Sono una ragazza di 21 anni..il 18 maggio sono due anni che la mia mamma è mancata. Quando ne avevo 4 si è ammalata di cancro al seno ed ha iniziato le chemioterapie. è stata una mamma molto protettiva ed infatti io non lo scoprii fino a 10 anni dopo..
    Mi ricordo ancora ora quando mia mamma andava a fare il bagno ed io la seguivo per farle compagnia..le avevano asportato un seno e con la scusa che la mutua copriva le spese, se l’era fatto rifare.. le chiedevo “mamma come mai non hai un capezzolo?” ee le mi diceva “deve ricrescere franci”
    si comprò una parrucca per proteggermi e non farmi notare nulla.
    dopo l’asportazione sembrava che tutto fosse guarito ma dopo 6 anni il tumore torno senza indugi..colpì la spina dorsale intaccando varie vertebre..poi sisposto ai polmoni riempiendoli d’acqua….ricordo ancora quando, dopo aver appena preso la patente l’accompagnavo alla clinica di candiolo e lì le tolsero l’acqua da un polmone..soltanto che era troppo pieno e dopo averla tolta le venne da svenire e la portai in giro sulla sedia a rotelle…ricomincio a perdere i capelli….era appena riuscita a festeggiare il suo compleanno a febbraio…
    dai polmoni si sposto al fegato cominciando a mangiarselo velocemente..
    dimagriva sempre più mentre il fegato si confiava a dismisura….sembrava incinta e per sdrammatizzare l’avevamo chiamato Asdrubale…
    Andò anche a milano a farsi “bruciare” delle metastasi…ma nulla…
    io non sapevo più che fare…stava capitando tutto così in fretta….non aveva più forza….cominciava a divagare con la testa…non riusciva a concentrarsi, ad alzarsi dal letto e a venire solo a mangiare….
    io mi arrabbiavo perchè non mangiava e la vedevo sempre stare peggio…mi nascondevo a piangere perchè non volevo che mi vedesse….
    Non avevamo mai affrontato il discorso..un giorno ero appoggiata al tavolo a guardare la tele e le ha cominciato a guardarmi e sorridere….e mi ha detto che sarei dovuta riuscire ad andare avanti…che non avrei dovuto fermamri…e piangemmo insieme…
    così cominciò a non alzarsi più dal letto…a non mangiare più…a non parlare….a dormire sempre….non passò nemmeno una settimana che il 18 maggio alle 1.30 di mattina smise di urlare dal dolore che quella notte loa afflisse….sembrava sapesse che era arrivata l’ora e non volesse abbandonarci….
    andai via di casa ad abitare con il mio ragazzo in un paesino in liguria..lontano dalla quella casa..dalla mia famiglia….
    ho sempre trattenuto la mia sofferernza…non volevo fare stare male le persone che mi circondavano col mio dolore…ho cercato di superare subito la sofferenza ma ho solo fatto si che le persone mi trovassero nascosta a piangere da quaòche parte o come succede tutt’ora sorrido sempre e poi esplodo in crisi…
    non sono una ragazza che ha paura della morte..prima o dopo capita a tutti..mia mamma aveva 53 anni…so che ci sono persone a cui purtroppo è capitato molto prima..
    non odio la vita…od il mondo per ciò che è successo a mia mamma…
    vorrei che fosse ancora qui…sto crescendo e non so come affrontare ciò che mi circonda…ci sono miliardi di cose che vorrei fare con lei…avrei bisogno di un suo bacio, carezza…di sentirmi sgridare perchè non sono andata avanti come mi aveva detto…
    passo le mie giornate chiusa in casa ad aspettare che il tempo passi…mio padre si sta creando piano piano un’altra vita…mio fratello ha un carattere con cui non si può parlare….
    ho provato a fare l’università non concludendo nulla…
    se ne andata serena del faTTO di avermi indirizzato verso la strada di fisioterapia…e l’ho delusa….mi sono seduta e ho continuato a soffrire giorno per giorno in silenzio…non sfogandomi mai con nessuno se non con il mio ragazzo nei momenti proprio di crisi….
    il tempo passa così veloce…fino a un momento fa ero lì con lei….e un secondo dopo sono qui da sola che scrivo della sua morte….
    non bisogna mai dare per scontato ciò che si ha o non esserne contenti….
    per quanto soffra sono contenta di avere avuto una mamma così…forte, determinata..non si perdeva mai d’animo e guardava sempre il lato positivo…
    non sono credente quindi non ho l’appoggio del pensiero che ci sia qualcosa o che continui a vivere in qualche modo…
    ma so che lei vive in me…in ciò che mi ha lasciato…in ciò che sono grazie a lei…
    Scusate se mi sono dilungata così tanto..
    a tutti coloro che è capitato qualcosa di simile..fatevi forza..non chiudetevi in voi stessi..non abbiate timore di piangere, di urlare, di spaccare qualcosa…e fatelo tutte le volte che ne avete voglia…parlate, parlatene..
    non privatevi dell’aiuto di coloro che vi vogliono bene…e nemmeno di quello di uno psicologo che aiuta a capire cosa accade e a sfogarvi…
    la cosa più importante….amate la vita, vivetela perchè è quello che i nostri cari avrebbero voluto fossero ancora con noi….
    Ciao, Francesca.

  25. paco on May 6th, 2011

    “Confidenze”

    “Rev.do P. Domenico,
    oggi sono stato al Santuario per la Santa Messa, leggendo il giornalino ho notato il sito internet dedicato al Santuario.
    Adesso con piacere sto visitando le pagine del sitoe visto che c’è un indirizzo e-mail ne approfitto per raccontarvi una esperienza bellissima, vissuta qualche anno fa…con la stessa emozione scrivo:
    tutto ha inzio nel febbraio del 1994, un triste evento sconvolge l’armonia e la felicità della mia famiglia.
    Un referto medico quasi come una condanna afferma che mia madre è gravemente malata, un male incurabile.
    Inizia qui un lungo calvario di sofferenze atroci per la mamma, tanti i viaggi della speranza nei vari ospedali del nord Italia.
    Dopo circa due anni la situazione peggiora e inevitabilmente si avvicina il triste momento…svanita ogni speranza, alla mamma non le resta che l’affetto e l’amore dei suoi cari.
    Mia madre stava per lasciare questo mondoed io morivo dentro, la disperazione di quel distaccoera tanta…desideravo morire insieme a lei malgrado avessi un figlio e una moglie che tutt’ora adoro.
    Ma qualcosa di meraviglioso stava per accadere: una sera rientravo da…dall’ospedale, in macchina, disperato e in lacrime, guidavo sotto la pioggia senza una meta precisa.
    Quasi per incanto, cioè senza la mia volontà, mi trovai sulla strada che conduce al Santuario della Madonna del Granato.
    Arrivato sul posto trovai il portone della chiesa chiuso, visto l’ora tardi, iniziai a pregare, nonostante il freddo e la pioggia incessante, avvertii una sensazione di benessere.
    Una improvvisa quiete mi avvolse…non lo so quanto tempo restai li, ma ricordo che tornai a casa sereno, sicuramente diverso.
    Da quella sera la chiesa sulla montagna divenne il mio rifugio, il posto dove ritrovavo la forza per affrontare la vita o forse il posto doveper un attimo fuggivodalla triste realtà.
    Chiedo scusa se mi sono dilungato… era l’11 settembre del 1996, la mamma ormai in agonia da circa 15 giorni, non più capace ormai di nutrirsi e di parlare, soffriva moltissimo.
    Io non ne potevo più di vederla in quelle condizioni, comprai dei fiori e mi recai al Santuario.
    Nei miei pensieri pregai, chiesi ancora per una volta alla Madonna un miracolo cioè di guarire mia madre oppure di prendersela con Sé, e così porre fine alle sue sofferenze.
    Inoltre chiesi di donarmi la forza e il coraggio necessario per sopportare un dolore così grande, in cambio ero pronto a qualunque cosa mi venisse chiesta.
    Pensai, sono pronto a fare la pace con mio suocero ( può sembrare una cosa di poco conto ma per me significava tanto).
    Dopo questa visita torno a casa, si fa sera; in compagnia dei parenti, cercavo di consolare papà, all’improvviso mia zia corre da me sbalordita e mi dice: “vai da mamma ti vuole parlare”.
    Un attimo di silenzio…mi precipito nella sua stanza, non credevo ai miei occhi, mamma seduta sul letto sorrideva e ripeteva il mio nome.
    Mi abbracciò e con voce chiara mi disse: “…Ho parlato con la Madonna, era bellissima…mi ha detto che se tu farai la pace con tuo suocero Ti ascolterà…”.
    Ascoltando quelle parole ho avuto solo la forza di chiederle: “Quale Madonna?”, mi rispose: “La Madonna del Granato”! Poi non ricordo più nulla per la grande emozione.
    Ricordo invece il suo splendido sorriso quando mi vide insieme a mio suocero accanto al suo letto, poi si addormentò senza dare segni di sofferenza.
    Era tranquilla, respirava senza fatica;a questo punto ero consapevole che qualcosa di grandioso già era successo…ma speravo anzi ne ero quasi certo della sua guarigione.
    Il giorno dopo ritornai al Santuario, ( nessuno sapeva in casa dove fossi andato), dopo un pò tornai di nuovo a casa e la mamma chiamandomi mi dice: “non andare a chiedere nient’altro alla Madonna…Lei ha bisogno di me”.
    La mattina seguente mamma volò in cielo, certamente accanto alla Madonna; io non versai una lacrima perché consapevole di essere stato testimone di una verità e di un grande dono…
    Ora, ne sono certo, qualcosa di straordinario si stava compiendo nella mia vita e proprio nel momento più tragico di essa: la mia mamma terrena mi lasciava sì ma solo fisicamente.
    Inoltre, grazie alla sua sofferenza cristianamente accolta, ho anche conosciuto l’amore di un’altra Madre meravigliosa, la Madre del Bell’Amore: La Madonna del Granato.
    Mia madre aveva 48 anni, tra me e lei solo 16 anni di differenza; mi manca da morire anche se avverto in modo ineffabile la sua presenza sempre e dovunque soprattutto attraverso il sorriso di Colei che, Madre di tutti gli uomini, m’illumina il cammino della vita.

  26. Camilla on June 28th, 2011

    La mia mamma se n’è andata lunedì 6 giugno 2011 ,3 settimane fa, dopo 4 anni di malattia . Era affetta da SLA non poteva muoversi,parlava con il comunicatore ottico e si nutriva con un tubo respirava con la tracheotomia.. Ma tutto questo non le ha mai impedito di fare la mamma e la sua lotta e’ un esempio per me .. Ora pero’ mi sento sola,ho 16 anni e crescere senza la persona piu importante sara’ una cosa difficile … Quando entro a casa la trovo vuota e profumata del suo odore,tanto amato e odiato nei momenti in cui la vedevo soffrire implorando di staccare il tubo dell’ossigeno..
    A volte mi ripeto che la sua non era piu vita ma egoisticamente la vorrei ancora qui. Datemi consigli su come pensare positivo,come non soffrire nei momenti bui. Un bacio

  27. Lorenza on June 30th, 2011

    ..Ho perso la mia adorata e splendida Mamma..da due anni e 3 mesi..con lei è volato via tutto…inutile negarlo…è andato via l’amore che regnava nella mia famiglia..Sono andati a pezzi i mille sogni..le risate tra noi fratelli…GLI OCCHI DI MIO PADRE SI SONO SPENTI..
    Mi volto e non la vedo non la sento..Spesso fermerei questa vita..per rubare un secondo di questo tempo e viverlo con lei..Vorrei solo poterla vedere..e dirle che Non vi è agonia più grande..di questa arida realtà..
    Non ho avuto tempo e modo per essere un’amica con lei..Mi guardo in giro ..guardo le mie amiche..vedo quella complicità..quell’amore che solo da Lei avrei potuto ricevere..Per farmi forza dico di riceverlo tutt’ora..Ma spesso non basta..quando va tutto per il verso sbagliato Lei non c’è..e dispiace ammetterlo ma non la sento…Lei non vorrebbe tutte queste lacrime..le disperazioni..e questo andare e venire da quel luogo che tanto detestava..dove adesso riposa il suo corpo..E’ lì che faccio una terapia personale..per accettare tutto..è lì che vado quando ho bisogno di piangere CON LEI..
    Mi chiedo quando passerà questa vita per riposare serenamente tra le sue braccia..Ma poi mi fermo..Ho vent’anni..e non merito non avrebbe voluto questo per me..
    Spero un giorno di poter provare insieme alla persona che amo..tutto ciò che lei ha provato guardandomi negli occhi per la prima volta..E’ l’unica mia speranza..rivivere quell’amore Incondizionato che lega una Madre con il proprio figlio..E’ lì che vivrà la mia Mamma..Nei sorrisi di chi mi amerà..e mi Ama..Vive nella parte più sicura di me stessa..Vive nel mio Cuore In ETERNO…!
    Sei la ragione della mia Esistenza..I’llBeMissingYou ANGELO MIO!

  28. Camilla on July 2nd, 2011

    Ho bisogno di te mamma … Sei il mio angelo ti amo

  29. iris on July 22nd, 2011

    E’ un dolore straziante che ti consuma giorno dopo giorno. Fra qlk giorno compio 25 anni e non riesco a trovare una ragione per vivere. Non studio più, passo tutte le notti piangendo. Non so che fare…. possibile che mia mamma mi abbia lasciata sola? Possibile che si sia dimenticata di me?Mi manca troppo, io nn ce la faccio più. Ogni mattina mi sveglio cn l’angoscia e cn quel peso e dolre al petto Otto mesi e non passa…..come affronterò una vita intera?

  30. Trad on July 25th, 2011

    Figlio unico, sieropositivo, senza lavoro, solo… i miei genitori sono sempre stati tutto per me! Due settimane fa un male incurabile mi ha tolto la cosa più preziosa della mia vita. Ho pregato affinché Dio prendesse me al suo posto. Niente. Ora sono qui, ferito dai cocci taglienti di un’esistenza in frantumi e incapace di sopportare la sua assenza. Cerco un suo contatto aggrappandomi a effimere immagini di vita passata che affiorano nella mia mente, oppure stando seduto ore di fronte alla sua tomba. Leggo libri su Dio, sull’aldilà, vivendo della sola speranza di poterla un giorno riabbracciare. Questa speranza è ciò che mi fa stare ancora in piedi e non mi fa crollare.

  31. tristezza on August 2nd, 2011

    Mi aggiungo anche io, che l’ho appena sognata di nuovo, dopo 3 anni fra un paio di settimane dalla sua scomparsa. La mia mamma era tanto semplice, non aveva niente di speciale, era buona di quelle persone che subivano senza ribellarsi qualsiasi ingiustizia del mondo..
    Ha sempre vissuto di poche cose, cercando di insegnarmi il valore di ognuna, ed io sono stata sempre in continua ribellione con il suo mondo semplice, lo vedevo limitato, avrei voluto di più.
    Ora, come ogni giorno in questi tre anni, ho cercato quella semplicita’ e quella felicita’ vera che le cose semplici trasmettevano..
    Mi manca, ancora, sopratutto al risveglio dopo un sogno dove c’era anche lei ed era cosi vera, viva.
    Capisco tutti voi, ho letto i vostri sfoghi e il vostro amore, la disperazione che avevo anch’io.. Le notti in bianco e le mattine con gli occhi gonfi che mi sono fatta!
    Ora e’ diverso, si naviga.. Senza certezze, sto vagando senza una meta precisa.. Spesso ho ansie, paure di morire cosi di colpo come ha fatto lei.. Il mio desiderio e’ portarmela nel cuore senza soffrire, tanti dicono che la riescono a sentire vicino, io sn molto razionale e realista.. Ancora non riesco a farlo.. Sono scettica ed e’ un male.. La mamma e’ la persona che ci ha amato di più al mondo, pero’ penso che se davvero c’e’ una vita oltre la morte lei sia li a cercarvi, come la state cercando voi da qui. Io lo spero tanto, e crederlo non costa niente in fin dei conti… Di poterla riabbracciare un giorno…
    Vi voglio bene a voi che condividete lo squarcio della mia anima

  32. Nadia Clemente on August 18th, 2011

    mia madre è una donna strepitosa, come tutte le Vostre stupende mamme. è MORTA IL 28-12-2010 AVEVA SOLO 50 ANNI E UNA grandissima voglia di vivere, ma ahime era affetta da una malattia incurabile che tra l’altro le ha procurato sofferenze incredibili…sono stata con lei sempre, le notti passate al suo fianco, a vederla semplicmente dormire. Mi facevano stare bene, la sua premura nonostante il dolore che si portava dentro nei miei confronti era indescrivile! Mia madre si chiamava ANTONIETTA MOSCA era una donna altruista, solare, intraprendente ma soprattutto leale. mi manca, io ho 25 anni da poco compiuti e non riesco a piangere neanche un po’… mi sento irrigidita da tutto questo.. Mamma sei il mio sogno piu’ bello. TI AMO DA IMPAZZIRE!

  33. Nanda on October 10th, 2011

    Anche a me, come a voi, è mancata la mamma da poco.
    Io sapevo che prima o poi sarebbe successo, perchè aveva grossi problemi di salute. Piango tutti i giorni pensando a lei, mi manca e mi mancherà sempre. Ma lei vorrebbe che io assaporassi la vita minuto per minuto, come ha fatto lei fino al penultimo giorno di vita, donandoci il suo amore, il suo sorriso e la sua forza vitale. A me, alle mie sorelle, ai suoi adorati nipoti. Io non sono come lei, così forte e coraggiosa, ma grazie a Dio ho accanto due sorelle con le quali condividere tutto, ridere e piangere. Da sola non ce l’avrei mai fatta, ed è per questo che Chi mi ama, sapendolo, mi ha regalato la presenza delle mie sorelle. Io so che non devo dimenticare niente del passato con la mia mamma, solo cercare di soffrire meno. Ce la farò? Boh, chi lo sa. Per ora vivo un giorno alla volta, non vergognandomi di chiedere aiuto e conforto quando ne ho bisogno. Un abbraccio.

  34. Elena on December 10th, 2011

    La mia mamma è morta ad agosto, all’età di 59 anni. Nel 2007 il tumore, la kemio e la radio e tutto sembrava provedere bene. Nel 2010 iniziano i problemi… non sembra nulla di preoccupante ma le cose si aggravano.I medici ci danno speranze di 10 anni… A luglio 2011 le cose peggiorano sempre di più finchè i medici ci dicono che tutto si risolverà in 10 giorni. La portiamo a casa… lei mi guarda e io devo mentirle dicendo che la trovo bene che deve guarire. Non so se da lassù mi potrà mai perdonare per quello che ho dovuto dirle ma non volevo che stesse peggio. Ora vivo lontano da casa. Non riesco a vedere il suo letto vuoto. Non riesco a farmi una ragione della sua perdita. Ho compiuto 28 anni nei giorni in cui lei era terminale. Non so se riuscirò a festeggiare i miei prossimi compleanni serenamente, avrei voluto averla accanto nelle mie decisioni future, al mio matrimonio o vederla nonna… invece il cancro me l’ha portata via. Lei, che non si è mai risparmiata per aiutare… nessuno l’ha potuta aiutare… neppure i luminari (per quanto la scienza ne sappia realmente.. purtroppo troppo poco).
    Ciao mamma Enrica.

  35. cristina on December 16th, 2011

    …ioho perso il mio angelo 2 mesi fa oggi sn 2 mesiprecisi ed il dolore e’ enorme nn passa col tempo…aumenta xche’ x quanto tenti d negare e nn accettare…il tempo e la distanza, l’impossibilitas’ di una telefonata od un abbraccio uccidono lentamente…mi manca da impazzire ogni giorno d piu’…vorrei solo andare da lei…nn vedra’ il mio matrimonio, i miei figli…ho 33 anni, a 16 anni mio papaq’ e lei da persona meravigliosa ha coperto anche l’affetto d mio padre nel migliore dei modi…ora nn c’e’ piu’ e muoio ogni giorno…ogni giorno d piu”’mi manca da morire!

  36. eleonora on January 10th, 2012

    io ho perso mia madre esattamente un anno fa.. l’11 gennaio 2011.. una polmonite se l’è portata via.. rimpiango di aver passato gli ultimi giorni con lei a litigare perchè lei nn voleva andare in ospedale.. è stato un dolore immenso.. ma sto reagendo, mi sono laureata e sto cercando di uscire e svagarmi sempre perchè so che lei vorrebbe questo.. spero di iniziare a lavorare e tutti i miei successi saranno dedicati a lei.. mamma ti amo

  37. maristella on January 31st, 2012

    ciao oggi son tre settimane che mia madre e morta..e morta di arresto cardiaco mentre dormiva…mia madre era da tre anni e mezzo in una casa di riposo dove io stavo 5 ore o piu ogni giorno..purtoppo a causa del diabete era diventata cieca e faceva dialisi 3 voltre a settimana..so che la sua vita non era piu vita,so che ora non soffre piu ma a me manca…manca da morire..il giorno prima avevamo litigato non c eravamo salutate e la mattina andando la x scusarmi non era piu viva..mi sento un peso enorme adosso nonostante tutti dicono che doveva capitare non riesco ad accettarlo,,,non rieco a parlarne,non riesco a sfogarmi ho tutto in gola e non esce ,sta li e mi distrugge..ho 20 anni e avrei avuto bisogno di lei..mi mancano i suoi abbracci,le sue raccomandazioni,mi manca da morire…e mi distrugge il fatto che non sia piu con me,,,ciao a tutti e scusate il mio sfogo

  38. ariel on April 23rd, 2012

    Ciao,mia madre è morta il giorno 23marzo 2012,(non era mia madre…)ma mi manca moltissimo.

  39. mauro on May 14th, 2012

    oggi è morta mia madre dopo aver perso anche mio padre 1 anno e mezzo fa.
    mi sento tanto solo e non so se sopravviverò a questo dolore..
    l’unica consolazione è che ora i miei genitori sono insieme.

  40. bet on May 16th, 2012

    e’ successo lo scorso 10 agoato, lanotte di san lorenzo, io non so piu’ se sono ancora viva. quando ha preso a rantolare negli ultimi minuti di vita le ho strappato con la forza sola della disperazione una promessa; ci rincontreremo, abbiamo combattuto una vita tragica insieme, lei malata di cancro, si, uno stramaledetto cancro che per 7 anni abbiamo curato con successo con la sandostatina poi a causa dei costi ( e della falsa sperimentazione Bindi) l’ha sospesa e da quel momento in poi si e’ammalata, una recidiva tremenda, perche’ uno si deve pagare le cure in questo paese del ca,,o? era un tumore neuroendocrino solo la sandostatina poteva fermarlo cara la mia Bindi schifosa. Sono rimasta sola, mai sposata per stare con lei, figlia unica, ma lei mi era figlie e sorella, mi manca il mio angelo, non vedo l’ora di incontrarla di nuovo.

  41. Annamaria on June 9th, 2012

    ciao sono Annamaria, ho 25 anni, l’anno scorso ho perso mia madre, mi hanno detto facendole l’autopsia che era piena di metastasi, io non ci credo, penso sia stato solo un errore dei medici,mia madre è entrata in ospedale x una stupidaggine, e dopo 20 giorni ne è uscita morta…volevo spiegare in breve ciò che mi era successo…ma credo sia impossibile sintetizzare il dolore che si prova…io credo solo che mia mamma, come tutti quei cari che abbiamo perso, vogliano vederci sereni, per quanto difficile possa essere…io so che mia madre è sempre accanto a me…devo per forza credere in questo, altrimenti x me è finita…un abbraccio da chi sta provando il tuo stesso dolore

  42. antonella on July 18th, 2012

    ciao ho letto tutte le vostre storie e mi dispiace per ognuno di voi. Mia mamma è morta una settimana fa, che dire? Fa male, molto male. Mio padre non ce l’ho più da 10 anni e anche se ho 37 anni sono troppo giovane per non avere più genitori…L’unica cosa da fare è conservare i bei ricordi, andare avanti con gli insegnamenti che i genitori ci hanno trasmesso e sperare che arrivi qualcosa di bello.Non sarà più lo stesso ma bisogna andare avanti.
    Forza e coraggio a tutti! Un abbraccio

  43. Luisella on August 20th, 2012

    Ciao a tutti, la mia mamma se ne è andata il 23 di giugno e non mi sono ancora rassegnata, penso che sarà dura non parlarle anche se da anni non mi conosceva più…aveva l’alzheimer, una terribile malattia che l’ha resa paurosa e allo stesso tempo anche aggressiva, era in quei momenti che non la conoscevo, lei era mite, non disturbava nessuno, aveva un rispetto per tutti…ora non c’è più e non posso pensare che dietro a quel muro c’è mia mamma!

  44. Gala on August 27th, 2012

    Ciao Luisella, anche la ma buonissima mamma aveva l’Alzeheimer e mi ricordo ancora la prima volta che mi ha guardata e mi ha detto “ma tu chi sei”? e’ stato un colpo fortissimo, da togliere il respiro!…non ci credevo…mamma mamma sono io tua figlia..sono scoppiata a piangere, una tempesta di lacrime e disperazione, non mi riconosceva piu’..sua figlia, una voragine di dolore, un buco che mi aveva inghiottito. Ora sono passati 3 anni dalla sua morte e nulla e’ cambiato, il mio dolore e’ ancora una ferita apertissima, anche ora sono qui che sto piangendo, mi manca da morire e vorrei vederla, parlarle, dirle che e’ stata una mamma eccezionale, generosissima e che mi ha dato tantissimo. La sua semplicita’, educazione e intelligenza mi accompagnano sempre e cerco di trasmettere questo a mio figlio ma senza la sua dolcezza e’ durissima! Ho tanti sensi di colpa perche’ poi non sono piu’ riuscita a starle vicino (c’erano cmq i miei fratelli) perche’ stavo troppo male a vederla cosi’ (mi sn venuti attacchi di panico e depressione fortissima) e non mai andata al cimitero per non soffrire, per negare che lei e’ veramente morta. Non riesco a pensarla li’ sotto, mi fa troppo male. Io non riesco a sentirla ora e mi sento sola….perche’ non riesco a sentirla? Un pensiero a tutte, tutti voi, il dolore ci unisce ma non per questo soffriamo meno. Vi capisco e vorrei dare una risposta alla vostra sofferenza ma non ce l’ho nemmeno per me.

  45. assunta on September 8th, 2012

    Ciao, mia mamma e’ mancata due mesi fa dopo sei mesi circa dalla scoperta del cancro allo stomaco. Mia mamma come molte ha dedicato la sua vita alla famiglia con immensi sacrifici trascurando la sua vita … cosa che probabilmente oggi non sappiamo neppure cosa vuol dire. la mia rabbia quindi e’ per l’ingiustizia nei suoi confronti. Ho provato piu’ vllte trovare un motivo per tutto questo , ma non ho risposte. Ogni volta che entro al cimitero lo stomaco si chiude e vorrei rimanere la vicino ad accudirla. La mia grande salvezza e’ mio figlio e mio marito, la mia ragione di vita. Mia madre spesso mi diceva di stare vicino alla mia famiglia il piu’ possibile, e’ l’obiettivo delle mie giornate,

  46. Luisella on September 8th, 2012

    Cara Gaia,
    io piango sempre,di nascosto dai miei perchè non voglio che soffrano vedendomi…ti capisco bene quando dici che cerchi di trasmettere a tuo figlio le belle cose che ti aveva insegnato con tanta dolcezza e anche io penso che non riuscirò a trasmettere ai miei figli, già grandi, per fortuna, un insegnamento degno di quello che mi ha lasciato mia mamma…Ti abbraccio di cuore

  47. Guido on September 11th, 2012

    Ho sepolto oggi mia madre.Leggo di mamme morte giovani e di ragazzi che non hanno potuto conoscere l’affetto materno.Io mi vergogno un pò:ho 61 anni e la mia mamma ne avrebbe compiuti 92 il mese prossimo,ma,ora,sono solo in casa,non sono sposato e non ho fratelli. C’è tanto silenzio. ma ciò che più mi pesa è il pensiero di questi suoi ultimi anni di declino,con problemi cardiaci,vista calante,frquenti cadute,che,però,non le hanno prodotto mai danni troppo gravi.E della mia indifferenza,assorto in pensieri di lavoro,amicizie,amori.Sì,mi innamoro,ancora come un adolescente. Ogni volta che uscivo lei m’implorava di non abbandonarla.Molte volte era seduta sul divano dove l’ha raggiunta la morte domenica scorsa e accarezzava una scimmietta in péluche,che chiamava orsetto,evidente sostituto dell’affetto che io non le davo,rintanandomi in camera a navigare su Internet. Ho smesso di portarla in vacanza:eppure sapevo quanto lo desiderasse.Uscivamo,qualche volta a bere un caffè o a fare piccoli acquisti,ma,come ho detto,si muoveva con molta fatica.Il medico non le ha più prescritto il solito elettrocardiogramma,con la motivazione che era stazionaria,ma io sentivo quanto ansimasse e non sono riuscito a dare l’allarme in tempo.Ogni sera le auguravo la buona notte,un pò spazientito e frettoloso di andarmene a leggere o a navigare.Era molto sola e annoiata,non riusciva più a leggere nè a fare le parole crociate,un tempo sua grande passione.A volte mi faceva perdere la pazienza:una volta mi ha accusato di sottoporla a continue umiliazioni.Per fortuna non l’ho mai insultata e,men che meno,picchiata.Ma non sono stato un figlio esemplare,come molti,nel quartiere, pensano.Scusate il mio sfogo e compatitemi.

  48. davide on September 15th, 2012

    Cari fratelli e sorelle anch’io come voi, ho perso mia madre 5 mesi fà. Il dolore è straziante soprattutto quando la propria mamma soffre a cauda delle malattie. Ho assistito mia madre per circa un anno, insieme a mia moglie che ringrazio di cuore mi ha aiutato tantissimo, e sinceramente ho ricordi bruttissimi per la sua sofferenza però anche dei gesti di vero amore quando lei riusciva a farmi un sorriso dopo che io le dicevo ” mamma ti voglio tanto bene”. Anch’io come voi la piango e la penso sempre però dobbiamo essere forti perchè anch’io sono un padre e devo accudire ai miei tre figli. La mamma è il bene più prezioso e quando non c’è più ti sento quasi morto perchè ti manca una grande parte di te. Mamma ti voglio tanto bene e non ti dimenticherò mai fino alla morte e spero che un dì continuerò a vivere insieme a te.
    Davide

  49. Monica on September 17th, 2012

    Leggo tutti i vostri pensieri per sentirmi meno sola. 17 gg fa ho perso la mia mamma (mia unica ragione di vita!). Sono disperata, mi sento sospesa…non vedo un futuro, una ragione x andare avanti xchè era lei la mia grandissima forza!!!
    Mamma MI MANCHI TREMENDAMENTE…

  50. davide on September 17th, 2012

    Monica forza e coraggio, la mamma ti è vicina non ti lascerà sola. Cerca di pregare GESu’ con tutto il cuore e vedrai che Lui non ti farà sentire sola. Siamo nella stessa barca continuamo a volerle bene e loro staranno sempre con noi. Un saluto e coraggio

  51. CRISTINA on September 19th, 2012

    …il 16 settimbre sono 11mesi…ho letto qui il mio messaggio lasciato 10 mesi fa…e nulla e’ cambiato…mi sento persa, vuota ed il dolore mi divora quando la penso…la vedo sofferente e non posso far nulla per fermare il suo destino.
    Le sono stata vicino…ma alle vlte sono dovuta fuggire per dei giorni…non riuscivo a vederla soffrire…mi sembrava di impazzire a nn poter far nulla per salvarla dalle sofferenze…come se il tumore non bastasse e’ sopravvenuto un ictus che le ha tolto la parola e la sua risata squillante….nn poteva parlare…scrivere e comunicare in nessun modo lei che e’ sempre stata cosi’ presente…il suo ricordo malata, rassegnata e triste mi sta facendo impazzire…mi manca la voglio ricordare ma quando una canzone, un ricordo…un soffio di vento me la ricorda…anziche’ sentirla vicino mi mancano le forze dal grande dolore…e le lascrime mi riempiono gli occhi ed il cuore…non la sento…e non so come vivere cosi’…mi manca da impazzire…vorrei un gesto…vorrei chemi dicesse cosa devo fare…mi manca da morire…lei era la mia forze…il mio esempio…il mio cuore…come si fa?

  52. mariarita on September 24th, 2012

    mi rivolgo a te cristina, anche la mia mamma è mancata il 16 ottobre 2011 , aveva 53 anni ed io solo 20..mi manca da morire …ogni giorno è sempre peggio…vorrei averla accanto a me, vorrei parlarle, chiederle consigli per il mio futuro …farei qualsiasi cosa per rivederla anche solo per un minuto …mio padre ha solo me e mio fratello …le manca, per lui era tutta la sua vita, anche io sto vivendo le tue stesse situazioni…non so come si possa fare…so solo che si deve andare avanti ….so per certo che ci guardano ogni giorno…io non sono credente ma spero che ci sia qualcosa anzi sono sicura che loro adesso stanno bene ..hanno smesso di soffrire ….lo so sono egoista ma avrei voluto averla ancora qui con me per un po’….anzi per sempre….ti amo mamma sempre sempre nel mio cuore, fai parte della mia anima!!!!

  53. Luisella on October 17th, 2012

    Grazie mamma,ancora una volta sei riuscita ad aiutarmi!!!

  54. claudio on November 16th, 2012

    mia madre è morta di linfoma
    e con la sua morte è morto tutto
    sogni speranze la vita mi è diventata una cosa
    estranea
    ma quale fede . con le parole non ci faccio niente
    davanti a queste cose e la cattiveria di certa gente
    è tutto inutile
    una risposta non esiste ! solo dolore

  55. Lucy on November 27th, 2012

    Ho perso mia mamma 5 anni fa..avevo solo 19 anni e ci ha lasciati in una bellissima mattina di sole di metà febbraio..ricordo ancora il raggio di sole che ha invaso la stanza quando purtroppo ha spirato..io ero li e speravo..ho sperato fino all’ultimo..era malata da tempo di tumore al fegato..all’epoca non ne capivo molto…in cuor mio, un cuore da ragazzina ingenua sperava che prima o poi sarebbe guarita…avevo tanto ancora bisogno di lei…spesso mi capita di sognarla..è così bella nei miei sogni ma sento terribilmente la sua mancanza….più passa il tempo,più passano gli anni,la mia vita va avanti..cerco di vivere e non di sopravvivere….cerco di non perdere mai la testa…cerco di tornare a galla quando mi capita di affogare.. cerco di sorridere ancora,ma quei sorrisi non sono più veri sorrisi da quando lei non è più qui… Cerco di dare un senso alla mia vita,ho un ragazzo che amo e che mi ama..cerco di andare avanti e sono consapevole di quanto la mia vita sia preziosa….. ma mi manca….mi manca tanto….

  56. Stefania Tralla on December 13th, 2012

    Grazie mamma e papà
    per avermi voluto così tanto bene
    Statemi vicino sempre, accompagnate ogni mio passo
    Ci rivedremo un dì
    Vi voglio bene e mi mancate tanto
    Ciao

  57. fabrizio on December 22nd, 2012

    grazie di tutto mammina, sarai sempre nel mio cuore ti amo.

  58. Marina on December 29th, 2012

    Mia mamma ha avuto un incidente il 21 agosto ed ha perso conoscenza, poi se n’è andata 1l 10 di ottobre. Tutto mi sembra accaduto ieri e nello stesso tempo mi sembra trascorsa un’eternità. Non riesco a farmene una ragione… alterno sensi di colpa per non essere stata abbastanza affettuosa o dolce (ultimamente a causa dei tanti problemi ero sempre scorbutica e ipercritica) ad ansia per ciò che può aver sentito, provato, temuto dall’incidente in poi… per poi passare al dolore schietto, puro, lancinante per la mancanza che sento di lei, per il pensiero che mai nessuno mi guarderà più con quegli occhi colmi di amore irragionevole e assoluto… Sto male, sto troppo male e so che non ci sarà più gioia per me. Ho 50 anni e sono sola, non ho futuro e non ne voglio, ma non so trovare il coraggio di andarmene…

  59. ludovico on January 18th, 2013

    Ti amo Mamma, tu sei morta 32 giorni fa, oggi è il mio compleanno.
    Ti amo
    Sto male

  60. Andrea on January 21st, 2013

    E’ già passato un mese e mi sembra ieri. La vigilia di Natale la mia mamma mi ha lasciato, strappatami da un tumore al polmone. Morire a 63 anni non ha senso. E per un figlio non c’è nulla di più doloroso nella vita che perdere la propria madre. La cerco ancora, a volte sono sovrappensiero e sono quasi convinto che lei sia di là in sala che guarda la televisione. Quando sono fuori casa è quasi istintivo prendere in mano il cellulare per chiamarla e avvertirla che farò tardi. E tornare con i piedi per terra fa male, molto male. Mi dicono che ci vuole tempo, ma credo che non mi abituerò mai all’idea che lei non ci sia più. Mi manchi mamma! :’(

  61. francy on January 23rd, 2013

    io ho perso mia mamma l’11 luglio scorso e dopo 15 giorni ho dato alla luce il mio primo figlio…inutile dire quanto sia stata dura vivere il momento piu’ bello della mia vita con il cuore spezzato a meta’,con quel dolore fisico che solo chi lo prova puo’capire…la mia amata mamma stava bene, quella notte si e’ addormentata e non si e’ piu’ svegliata, un arresto cardiaco, neanche il tempo di vedere quel nipotino tanto atteso e desiderato…ero in ospedale e la mia stanza era piena di gente, amici, parenti eppure io mi sentivo cosi’sola…mio papa’ e’ perso senza di lei, sono stati insieme 46 anni e ora vive per il mio bambino.
    piango tanto.. sempre..mi addormento nella speranza di sognarla e per fortuna mi capita spesso, sogni in cui la bacio, la stringo e le urlo che l’amo o di no andarsene via ma l’ultima volta era arrabbiata con me e mi ha detto che non voleva piu’ vedermi piangere, cosi’ e’ circa una settimana che mi trattengo…
    sono trascorsi 6 mesi ma fa male ogni giorno di piu’…
    MAMMA SEI NEL MIO CUORE, la tua kikka

  62. fabrizio on February 7th, 2013

    la mia mamma è morta il 18 gennaio tra le mie braccia.Io non so se riuscirò a superare questo trauma.Mi basterebbe avere anche una piccola sensazione che adesso sta bene, dopo tanto tribolare.Io non pensavo morisse anche se lei da un anno non voleva più vivere ed era dimagrita tanto.Credevo speravo in una reazione, questo è il mio senso di colpa. orribile.Ti voglio tanto bene tesoro,per me tu sarai sempre viva e spero di incontrarti presto.

  63. Lucia on February 19th, 2013

    ho 22 e mia mamma è morta due anni fa di tumore al seno..era malata da quando io avevo 12 anni.. e per me è stato un incubo vederla affievolirsi giorno dopo giorno..migliorare per poi tornare a peggiorare.. sono stati anni durissimi accompagnati dall’incapacità di mio padre di essere un padre dalla scoperta di un fratellastro nato da un amante di mio padre due mesi dopo la morte di mia madre.. ora sono a medicina al quarto anno.. ma sento di non riuscire ad avere una vita normale e probabilmente mai ci riuscirò..

  64. Roberta on February 28th, 2013

    La mia mamma è andata via 20 giorni fa, dopo tre settimane di sofferenza per un maledetto linfoma, velocemente, però l’ho salutata, due giorni prima mi ha sorriso e mi fatto ciao con la mano, non parlava più, adesso sono orfana. il mio compagno ha detto che me lo merito, lui già da tempo mi tradisce ed è stato contento del mio dolore, io sono la sublimazione del dolore, ho un bambino piccolo, allora voglio dire a tutti che sentiamo ciascuno per la propria mamma lo stesso dolore, ma non mi posso permettere di urlare dal dolore per non dare la soddisfazione al mio (ex) compagno che su twitter fa lo schifoso (il suo indirizzo è @maudelmaro), nè posso piangere per il mio dolcissimo bambino

  65. antonella on March 6th, 2013

    Lucia , brava studia medicina, hai trovato un modo per dare un senso alle sofferenze di tua madre. Allevierai le sofferenze di altre persone. Io ho perso la mamma a 45 anni, il 31 dicmbre 2012. Non l’abbiamo mai lasciata sola neanche un minuto ma lei ha deciso di andarsene quando nessuno, nè io la figlia, nè la nipote, nè i frateli eravamo con lei; c’era la badante quella mattina ma nell’istante preciso in ci se ne è andata era sola perchè la badante era in bagno. A tutto’oggi non riesco a giustificare le sue sofferenze. Mi è addirittura venuta la febbre nel giorno in cui è andata in coma (due giorni prima di andarsene), e io non lo avevo neanche capito quale era il suo stato. Salutandola per andare a casa a riposare il sabato 29 dicembre alle 2 del pomeriggio nonostante non mangiasse e non bevesse più oramai , nell’avvicinarmi per baciarla ha scloccato le sue labbra sulle mie, e questo è stato il suo saluto. Poi il lunedì 31 dicembre, lo squillo del telefono….. alle 6:46…. mi ha annunciato la sua dipartita…..e nessuno era in quel preciso momento con lei, era sola……come siamo tutti fondamentalmente soli in questi momenti. Ci sono dei giorni, come questo oggi 6 marzo 2013 in cui non so davvero come superare tutto questo. Mia figlia mi aiuterà…..

  66. Sabrina on April 6th, 2013

    Mia mamma è morta il 27 marzo 2013 …. Un infarto per strada poi un secondo fatale infarto in ospedale … Nemmeno il tempo per salutarla … È morta da sola in ospedale mentre io correvo da lei. Stava bene non aveva nulla nemmeno una pastiglia. Aveva 70 anni … Sono disperata. Mi sento morta con lei è non voglio più fare nulla della mia vita. Mio marito non comprende continua la sua vita normalmente. Mamma non te lo meritavi di morire. Ero sempre così generosa nell aiutare me è le altre due figlie. Mi manchi da morire e mi spiace mi dispiace così tanto ….

  67. Andrea on April 10th, 2013

    Mia madre è morta di cancro, avevo la speranza sino all’ultimo che guarisse, ma si vede che Dio l’ha voluta lassù per qualcosa di più grande.Io credo ci sia qualcosa di più grande di cui forse noi non siamo consapevoli perchè non riusciamo a percepire…io spero un giorno di rivederla, un lontano giorno, dopo aver formato la mia famiglia e vissuto la mia vita…Dio ha dei progetti anche per me e io mi affido completamente a Lui, alla sua mano che, anche se ci appare crudele, sa che è nella sofferenza, come ha fatto Gesù, che possiamo trovare la fede…ti amo mamma…P.S. Vi consiglio di leggere il libro della biografia di Maria Cristina Cella Mocellin…Vi apre il cuore, un saluto a tutti

  68. SABRINA on April 18th, 2013

    andrea non so come fai ad avere questa fede …vorrei averla io anche se sto cercando…grazie vedrò di leggere la biografia…si ti va di scrivermi sabman71@yahoo.it

  69. Anto71 on April 19th, 2013

    Sono 15 giorni che la mia mamma, dopo una lunga malattia, è morta…… Mi sento soffocare, ho ancora bisogno di lei, ho bisogno di abbracciarla, di parlarle ancora. Perchè te ne sei andata lasciando dentro di me un vuoto incolmabile……………..

  70. Marioarman on April 21st, 2013

    Nel giorno del mio compleanno e’ mancata mia Mamma,sono passati pochissimi giorni il 18-04-2013, io sono distrutto e non so pensare ad altro…..spero che la mamma sia sempre con me…..

  71. lisetta on April 25th, 2013

    Be che dire…ora sono quasi 15 giorni che mia mamma e morta sofro della sua partenza ma ho una speranza in Cristo Gesu che un giorno la rivedro…si perche ho acettato Gesu’ come mio personale salvatore (sono evangelica) il mio dolore il Signore lo vede e lo allevia ho fede in lui…mamma mi manchi tantissimo ma so che ci rivedremo un di…

  72. stefania on May 12th, 2013

    il dolore si supera amando la vita, pensa che ogni giorno puo succedere che anche tu possa morire,
    e visto che l’esistenza di dio non è sicura tra il nulla e il vivere , tu non puoi decidere,inoltre se vivi lo fai per un breve periodo limitato nel tempo,mentre quando muori è per l’eternita ,per questo vivi la vita.

  73. Giovanni on May 30th, 2013

    Mia madre ha 60 anni .
    Ancora non è morta ( spero che muoio io prima di lei cosi da non vederla soffrire ) ma al sol pensiero che lei muore piango come una fontana. Leggendo i vostri racconti abbiamo in comune una cosa che pochi hanno : L’AMORE PER LA PROPRIA MADRE.
    La morte della madre È una cosa bruttissima da non provare in cui non e facile uscirne fuori. Cerchiamo una via d’uscita ma non ne troviamo poichè siamo convinti che la colpa è nostra . Le madri hanno un cuore d’ oro e puro e ci perdonano tutto ciò che facciamo e succede.
    Voglio solo una cosa : per chi ha ancora i genitori in vita di riparare ai vostri errori e di fare il possibile ed accudire i vostri genitori . Ma non dobbiamo abbandonarli. Loro ci hanno cresciuto visto nascere mantenuto ….
    Anche se poi un giorno non ci saranno più dobbiamo lottare per loro per i nostri figli fratelli …
    Loro vogliono che pensiamo positivo che stiamo bene e che non dobbiamo stare male per la loro morte . Sarà difficile ma si deve fare questo.
    Provare a convivere con un animale… Ad esempio un cane … Un gatto… Danno lo stesso amore incondiZionato che una madre dà.. Aiutano tantissimo a superare momenti di tristezza perchè secondo me hanno un dono che nessuno ha …
    Ciò che vorrei dire : pensare sempre positivo … Sfogarsi… Continuare a vivere … Fare ciò che i genitori vogliono da noi …
    Amare …. E coraggio….
    La vitq continua … E cosi … La vita .. E un dono bellissimo … Dobbiamo lottare per chi sta male in diffixoltà… Per le madri in difficoltà….

    Un grosso saluto se volete contattarmi per sfogarvi vi lascio la mia email
    Blackboys90@live.it

  74. lina on June 3rd, 2013

    Mi trovo nella tia stessa situazione. .mia madre e morta qiando avevo 18 anni adesso ne ho 22..i giorni passano anche veloci ma per me il. Tempo si e fermato a quel maledetto giorno. ..ma come facc a pensare al mio futuro see lei nn c’è? ? Noi facevamo tt insieme..era tt per me. ..con mio padre non so mai andata d’accordo e diciamo nemmeno con mia madre. .ed.ora mi ritrovo a combattere contro di lui… anche per mia madre xke nn meritava qst fine. .ho un odio e nervoso profondo che nn riesco a vivere e guardare avanti in modo diverso! ! Poi lq gente e la famiglia nn ne parliamo. .. gli fai pure pena e poi sene sbattono! Ormai mi rendo conto che una ferita immensa nel mio cuore che mi porterò per il resto della.mia vita! !

  75. Stefania Pigozzo on June 5th, 2013

    Leggendo tutto queste persone non mi sento sola, io comincerò un percorso dal psicologo da settimana prossima, mia mamma è morta gennaio 2012, e da quel giorno non riesco più a pensare a null’altro che alla sua malattia, ed al momento in cui è morta abbracciata a mio papa e a me e mia sorella. Mi sento impazzire, ed è vero come leggo qui da tante persone, anche mio marito non mi comprende. Ho deciso per il psicologo perché altrimenti mi sento di impazzire. So che è normale, prima o poi i genitori muoiono, ma due anni di malattia e il consumarsi degli ultimi mesi mi hanno profondamente segnata, tanto più che lei è stata così forte e ha sempre cercato di dare forza e spirito a noi con la sua immensa voglia di vivere.

  76. Anto71 on June 14th, 2013

    Sono circa due mesi che mia madre è morta…..
    Ancora non riesco ad accettare la sua scomparsa mi rifiuto di andare a trovarla al cimitero. Ho soffocato tutte le mie emozioni e vivo giorno per giorno pensando che lei sia lì seduta sulla sua poltrona che mi aspetta a casa, che mi risponda al telefono quando la chiamo, il dolore è immenso……….

  77. Nino on June 25th, 2013

    La mia Mammina mi ha lasciato da 4 anni. La penso tutti i giorni…a volte ho la sensazione che sia vicino per aiutarmi…a volte la sento molto lontano. La mia unica ragione di vita e’ sperare che un giorno io possa riabbracciarla. Mammina mia, mi manchi tanto…i giorni passano, ma io non riesco a vivere senza di te.

  78. Francesco on June 26th, 2013

    Io ho perso mio papà il 30 marzo del 2006 per una malattia respiratoria e mia mamma il 12 giugno 2013 per colpa di un bruttissimo tumore allo stomaco… mi manca cosi tanto che ho davvero iniziato a pregare come si deve… perché adesso penso che l’unica cosa che può far felice i miei genitori, sono le preghiere. A volte mi giro in casa e li cerco…odoro un loro maglioncino.. leggo una loro letterina… ma mi mancano troppo.
    Mi sento in colpa… tante volte non li ho trattati bene… gli ho risposto male… a volte non sono voluto uscire con loro… poche volte sono riuscito a dirgli “ti voglio bene”… ho paura che non sono fieri di me… Non riesco a sognarli mai… darei la mia vita per stare con loro. Le dolcissime parole che mi diceva mia mamma, mi mancano da morire.. quel suo sguardo, l’essere sempre presente appena tornavo a casa e lei che mi salutava con il suo sorrisone… amavo vedere quando faceva qualcosa… qualunque cosa… ci metteva sempre amore… magari fossi l’un percento di lei…della sua bravura, della sua forza, della sua pazienza. Ti amo mamma. Ti amo papà. Io credo nel Signore e credo che loro ci sono vicini sempre… e credo che anche loro hanno letto questa lettera mentre la sto scrivendo

  79. matilde on July 30th, 2013

    la mia mamma mi ha lasciata ieri. a 56 anni, per una crisi cardio-respiratoria. un vero fulmine a ciel sereno, considerando che di salute fino a ieri stava benissimo.
    io non so come potrò andare avanti senza di lei.
    il nostro rapporto non era perfetto, molte volte non ci siamo capite e siamo finite in guerra, ma era la mia Mamma… e non ho neanche potuto salutarla. non riesco a smettere di piangere, non riesco a dare un senso a niente, non posso neanche alzarmi dal divano. vorrei tanto lei fosse qui.

  80. pietro on August 27th, 2013

    Ho trentasei anni e ho perso mia madre il 19 aprile scorso. Aveva 55 anni . Che dire.. Nn passa giorno che nn la penso. Ogni giorno cerchi di essere felice ma ti accorgi che nn lo sei. Lavori anche gratis per distrarti ma il pensiero va a mamma. La cerchi isolandoti , mi siedo su in terrazza di sera e guardo le stelle attendendo un suo segnale. Non sono andato neanche una volta a trovare mamma. Preferisco piangermela dentro . Che vado a fare al cimitero? Che dire… Vuoto. Questa parola nn la posso spiegare è indescrivibile. Ci convivi . Se nn lo provi nn puoi capire. É un dolore tosto . Si finge tutti i giorni per andare avanti . E bisogna andare avanti purtroppo amputati ma bisogna andare… Un AABBRACCIO a chi come me..

  81. sara on September 9th, 2013

    anchio soffrirei se mia madre morisse <3<3<3

  82. sara on September 9th, 2013

    ho paura mia madre non torna dal lavoro a qusta ora era uscita da piu di un ora e se gli e successo qualcosa? non le posso chiamare perche non ho il telefono che faccio???

  83. stellina on September 9th, 2013

    ho perso mio papa una settimana fa mi manca tanto lui era il mio papino non voglio dirvi come e morto perche se no scoppio a piangere:-(

  84. cuore on September 14th, 2013

    La mia mamma ci ha lasciato il 24 luglio per un maledetto tumore ovarico. Piango tutti i giorni ma devo sorridere sempre per mio padre e per lei. Ho 24 anni e mi sento tremendamente piccola…. avrei ancora imparato tanto da lei. Aveva un sorriso magico, contagioso e sincero. Ha riso fino alla fine. Il suo ultimo regalo prima di andar via…. mamma qui manchi troppo. La tua valy

  85. Sara on September 20th, 2013

    Domani sono tre mesi che la mia mamma è volata in cielo, e niente è più come prima…vorrei poterla abbracciare e sentire il suo bellissimo odore. Mi chiedo come si sopravviva a tutto questo dolore…ti amo mammina mia, e mi manchi da morire!!

  86. Gisella on September 22nd, 2013

    La mia mamma è andata via per sempre il 20 Agosto 2013…nel giro di due settimane: scoperto un colangiocarcinoma fulminante…è passato un mese, ma il dolore è tanto forte che mi blocca il respiro! Ancora adesso mi chiedo cosa sia successo!! E’ vero aveva 85 anni, io ne ho 56, ma una madre non ha età, una madre è sempre una madre. Lei viveva con me, era la mia quotidianità, è difficile andare avanti, anche a questa età, con due figli ed un marito, speriamo che il tempo allievi un pò la “morsa” che sento nel cuore…

  87. vito on November 12th, 2013

    ciao a tutti.
    anche mia madre ha lasciato un grande vuoto dentro di me spegnendosi a causa di un cancro nel dicembre di due anni fa.

    lunghi ed angoscianti sono stati i periodi della sua malattia che a volte si alternavano a giornate di mare calmo durante i quali veniva la voglia di fermare il mondo cosi com’è.

    la sua sofferenza duarata 7 anni è stata alternata a periodi tutto sommati positivi

    mia madre quindi per me durante quel periodo è stata la mia ragione di vita, nell’aiutarla io intravedervo e visualizzavo una potente energia, quella dell’amore piu profondo, che avrebbe potuto aiutarla a guarire .
    quando tornavamo a casa dopo aver trascorso l’intera mattinata al centro oncologico , durante il pranzo io cucinavo grazie anche alla piccola collaborazione di papa’, e poi dopo i nostri piccoli commenti riguardo le notizie del giorno, io lavavo i piatti (a volte lo faceva lei) e poi siccome sentiva freddo a causa della chemio andava a letto ed io le preparavo la borsa dell’acqua calda per alleviare i suoi dolori ed il suo freddo.
    spesse volte le massaggiavo i piedi e le mani screpolate a causa della chemioterapia.

    ero contento e mi sentivo felice di darle una mano e di farmi sentire vicino a lei.
    dopotutto cos’era di fronte alla sua vita dedicata alla sua famiglia e soprattutto ai suoi figli.

    lei era una grande lavoratrice, ha fatto tanto bene. il suo lavoro da caposala in ospedale le dava questa possibilità , ha certamente lavorato piu del dovuto, perdendo giorni di ferie che le spettavano,perchè amava il suo lavoro.
    l’amore verso gli altri , il suo altruismo era la sua ragione di vita.

    quando stava bene, cioè meglio, la vedevo energica piena di vita ed io ero felicissimo e cosi le davo una mano , quando non stava bene andavo su suo letto e la accarezzavo e le davo un bacio e come spesso accadeva le mettevo la crema ai piedi.

    non la mollavo un attimo sembravo il suo bodyguard personale.
    anche se avevo non lavoravo , anche se avevo appena finito di laurermi io in quel periodo ero in estasi perchè pensavo: “mia madre ha bisogno di me e non c’è gioia piu grande che poter essere vicino a lei”.
    pensavo che tale gioia un giorno si sarebbe tradotto in una sua possibile guarigione.
    tante volte ho pregato Dio affinchè io potessi accollarmi tutte le sue sofferenza poiche un figlio giovane le sopporta meglio.

    una sola volta vedendola soffrire troppo , seduta su di una sedia , mi inginogghiai e stringendola come farebbe ogni bambino le dissi : “mamma , vorrei soffrire io al posto tuo” .

    fu una delle poche volte che l’ho vista piangere.

    durante il periodo della sua malattia siamo stati molto vicini , forse come non lo siamo stati mai, e dopo avrer intrapeso un’attività in proprio decisi in fretta di sposarmi poichè volevo dare questa piccola soddisfazione alla mia piccolina.

    vi faccio sorridere scrivendovi che il giorno del matrimonio mia moglie passò in secondo piano , poichè ero il bodyguard di un altra !

    tutti i libri hanno una fine ed il mio , cioè il nostro quello con mia madre sembra mancare di una conclusione .
    ricoverata d’urgenza , dopo aver visto solo due volte il mio bimbo appena nato, muore 30 giorni dopo durante il mese di dicembre 2011 dopo ulteriori sofferenze.

    non riesco ancora ad accettare tutto ciò.
    avrei voluto che lei si godesse anche 10 anni di pensione, avrei voluto che lei giocasse con mio figlio,avrei voluto andare a medjugorie insieme a lei a vedere la madonna , avrei voluto che lei mi rincuorasse durante i miei periodi tristi per altre faccende, avrei voluto essere al “completo” con lei ed invece lei mi manca.

    della nostra storia familiare , ad oggi , non posso dire di aver trascorso una vacanza insieme perche lei amava lavorare e conservare i risparmi per i figli, non ho mai fatto una passeggiata insieme a lei…………… sembra quasi che i nostri cuori si siano legati piu profondamente durante il periodo della malattia e che il buio intorno ci abbia fatti stare piu vicini.
    ormai stanchi senza piu armi x combattere , con i foderi vuoti e nell’oscurità c’era anno dopo anno la sensazione di non poter assaporare ogni gioia che la vita dovrebbe donare ad ognuno di noi

    a questo punto io vorrei chiedere a tutti voi come mai ad oggi io non vado a trovarla al cimitero , a volte io dica ” ma guarda tu quella scema , stronza che doveva morire” , ogni volta che vedo una nonna con il suo nipotino penso alla felicità che io non posso godere pensandola con mio figlio.

    sembro quasi rinnegarla addirittura, non ho nel cuore un ricordo dolce , ho rabbia ed amarezza e profonda tristezza ed il mio cuore anche se ho un bambino piccolo non è proprio sazio di gioia.

    mi fa male pensarla. chissa xchè.
    voi avete una risposta? cosa ne pensate?

    vito.se1974@libero.it

  88. alessio on November 28th, 2013

    ragazzi…e’ un dolore che fa male,il peggiore per un figlio..mia madre e’ morta di cancro al fegato dieci giorni fa’ e il mio pensiero di tutti i giorni e’ quello di non aver potuto fare di piu’per lei.non meritava tutto questo a 61anni.tutti dicono di farsi forza e andare avanti…ci proviamo ma sono senza parole da 10 giorni.

  89. hafi on December 31st, 2013

    quando è morta mia mamma avevo 16 anni e sono sempre stata vicino a lei ed è morta abbracciata a me,non rieuscivo a accettare la sua morte e mi ricordo fino adesso che mi sono sdraiata vicino a lei. adesso ho 32 anni e non riesco a dimenticarla. ancora adesso apro la porta e spero di trovarla davanti. nessuno mi potrà capire è un dolore immenso, profondo che è difficile superarlo.io continuo a piangere a soffrire. ho voglia veramente di rivederla mi manca tanto ma purtroppo non posso fare niente. darei qualsiassi cosa, pagherei qualsiasi prezzo pe vederla un minuto…ho fatto tanti visite da specialisti ma non ha funzionato.

Leave a Reply